spot_img
spot_img
HomeNotizieBaruffi: "È falso che...

Baruffi: “È falso che Schlein decide da sola. I riformisti la seguano”
B

“Non credo affatto che Schlein voglia essere una donna sola al comando. E sono convinto che ci sia bisogno di tutti per costruire un partito più grande e più forte, che sia il perno attorno a cui costruire un’alternativa credibile alla destra. Si è scelta una strada unitaria per la gestione del partito, siamo chiamati tutti a farla funzionare fino in fondo”.
Così in un’intervista al Domani Davide Baruffi, responsabile enti locali del PD.
 
“Segnalo che il partito dell’Emilia-Romagna è da sempre uno dei più unitari, meno condizionati dalla vita delle correnti nazionali. E non vedo fronte di nessun tipo. Vedo casomai una preoccupazione rispetto alle prossime amministrative del 2024. Ed è una giusta preoccupazione. Abbiamo bisogno di ricostruire un partito più grande in un centrosinistra nuovo, altrimenti succede quello che è successo fin qui: il PD quasi ovunque primo partito, ma quasi ovunque senza alleati”.

Ultimi articoli

Correlati

Impennata dei minori detenuti, la giustizia minorile non meritava il dl Caivano

Presentato il settimo rapporto Antigone sulla giustizia minorile, che da rieducativa diventa sempre più punitiva: "politica perdente"

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia
00:54:55

Direzione Pd, la relazione di Elly Schlein: “Senza di noi nessuna alternativa alla destra”

Direzione nazionale del Partito Democratico, la relazione introduttiva della Segretaria Elly Schlein. Crollo Firenze: serve nuova cultura del lavoro "Il...

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"

Sensi: “La morte di Navalny come il delitto Matteotti”

"Speriamo che sia un momento di presa di consapevolezza e smuova le coscienze". Sintesi dell'intervista a Filippo Sensi su Repubblica
spot_img