spot_img
spot_img
HomeArchivioBanche, Taddei: a gennaio...

Banche, Taddei: a gennaio decreti per rimborsi e riforma Bcc
B

“I decreti interministeriali con i criteri per rimborsare i risparmiatori vittime del crac delle quattro banche arriverà nelle prossime settimane. Gennaio sarà importante per il sistema bancario, anche perché faremo un altro pezzo della riforma: dopo le banche popolari, toccherà al credito cooperativo. Vogliamo intervenire con rapidità e in modo strutturale”.

Lo afferma Filippo Taddei, responsabile economico del PD, in una intervista al “Corriere della Sera“. Per quanto riguarda i rimborsi ai risparmiatori che hanno perso denaro nel salvataggio di BancaEtruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, spiega Taddei, “bisogna distinguere, ed è quello che faranno i decreti, tre tipi di investitori. Quello che è stato frodato perché non gli è stato spiegato o non era in grado di capire il rischio connesso all`acquisto di obbligazioni subordinate va risarcito qualunque sia l`ammontare dell`investimento. Ma per fortuna si tratta di pochi casi.

Quello che, pur avendo qualche competenza, è stato malconsigliato e ha investito una quota ingente del suo patrimonio su questi prodotti va risarcito in tutto o in parte, esaminando ogni singolo caso. E sarà l`Autorità anticorruzione di Cantone, con l’ausilio di Banca d`Italia e Consob, a farlo. Infine, l’investitore pienamente consapevole di cosa stava comprando e che ha messo solo una piccola parte su questo prodotto può anche non aver diritto a nulla”.

“Attribuire il crac alla vigilanza sarebbe un errore tecnico. Significherebbe non capire come la più lunga recessione del dopoguerra si è scaricata sull’economia reale, creando un’onda di sofferenze che ha colpito anche un frammento marginale del nostro sistema bancario, che resta fondamentalmente solido”.

“Gennaio – prosegue Taddei – sarà importante per il sistema bancario, anche perchè faremo un altro pezzo della riforma: dopo le banche popolari, toccherà al credito cooperativo. Vogliamo intervenire con rapidità e in modo strutturale”.

E in riferimento alla bad bank, nelle quale inserire i crediti deteriorati, Taddei auspica “che si possa arrivare, d’intesa con Bruxelles, a una percentuale equa per la svalutazione dei crediti”, il rischio è frenare l’erogazione di crediti: “Bruxelles non deve abusare della nostra pazienza”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img