spot_img
spot_img
HomeNotizieAutonomia, Bonaccini: “Sbagliati merito...

Autonomia, Bonaccini: “Sbagliati merito e metodo, no alla scuola spezzettata”

Sintesi dell’intervista su Il Sole 24 Ore

“L’autonomia riguarda in primo luogo le Regioni, ma il ministro Calderoli non ha voluto condividerne il testo in Conferenza delle Regioni. Una scelta che va contro ogni principio di collaborazione istituzionale. Trovo poi paradossale che questo accada nel momento stesso in cui il governo tenta di centralizzare altre prerogative regionali”, inizia così Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna e presidente del PD, la sua intervista al Sole, e aggiunge: “Mi riferisco alla gestione dei fondi strutturali europei, al Fondo di sviluppo e coesione, alle norme sul dimensionamento scolastico, che azzerano le prerogative delle Regioni: su questo andremo in Corte costituzionale”.

“Non c’è alcuna garanzia di esigibilità dei diritti e dei servizi da parte dei cittadini, a partire dalle risorse: il rischio è quello di alimentare uno scontro tra territori a vantaggio di quelli più forti”.

Bonaccini chiude: “Io sono da sempre favorevole a maggior autonomia per Regioni ed Enti locali. Ma ad un’autonomia giusta, che avvicini le decisioni ai cittadini e alle imprese, che semplifichi la Pa e riduca i tempi degli investimenti e degli iter autorizza tori”.

Intervista integrale su Il Sole 24 Ore

 

Ultimi articoli

Correlati

Mori: la partecipazione paritaria delle donne è centrale, in Europa e ovunque

L'intervento della portavoce della Conferenza delle Democratiche in Direzione nazionale: difenderemo la libertà di scelta delle donne

Schlein: solidarietà a Scurati. Questa Rai non è più servizio pubblico, ma megafono del potere

La segretaria Pd alla Repubblica delle Idee: "C'è fastidio per il dissenso, una deriva ungherese'

La tessera 2024 del Pd è dedicata a Enrico Berlinguer

'Casa per casa, strada per strada', è il claim scelto dal Partito democratico per la nuova campagna di tesseramento

Ddl diffamazione: no al tentativo di intimorire e imbavagliare la stampa

Rossomando: "Qui discutiamo di libertà e potere, e sulla direzione che devono prendere le democrazie"
spot_img