spot_img
spot_img
HomeArchivioAssegno Unico, Vecchi e...

Assegno Unico, Vecchi e Schirò: La Camera chieda al Governo di salvaguardare i diritti degli italiani all’estero
A

“Su proposta del relatore Stefano Lepri e grazie all’iniziativa del PD Mondo e dei parlamentari del Partito Democratico della Circoscrizione Estero, la Commissione Affari Sociali della Camera ha fatto proprie le nostre segnalazioni sulle criticità per i nostri connazionali relative all’introduzione dell’Assegno Unico in sostituzione delle detrazioni per figli a carico e dell’assegno per il nucleo familiare (ANF).”

 

Si tratta di un primo importante risultato del nostro impegno per la tutela dei diritti sociali degli italiani che vivono e lavorano all’estero.”

 

Così hanno dichiarato oggi Luciano Vecchi, responsabile del PD per gli italiani all’estero e l’on. Angela Schirò, a nome delle deputate e dei senatori del PD eletti all’estero.

 

“Nella valutazione dello schema del decreto legislativo di attuazione della Legge delega, sottoposto al giudizio parlamentare, la Commissione su proposta del Relatore – cui va il nostro ringraziamento – nell’esprimere un parere favorevole, ha comunque proposto alcune modifiche evidenziando, tra l’altro, come si debbano salvaguardare i diritti fiscali e previdenziali dei nostri cittadini residenti all’estero i quali attualmente percepiscono le prestazioni familiari in via di abrogazione (detrazioni e assegni) e che rischiano, da una parte, di perdere tali prestazioni e, dall’altra, di non poter usufruire (a causa del requisito di residenza in Italia) dell’Assegno unico.”

 

“E’ dall’entrata in vigore della legge n. 46 dell’aprile 2021 recante delega al Governo per riordinare, semplificare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’Assegno unico e universale – affermano gli esponenti Democratici – che avevamo segnalato il pericolo che quegli italiani all’estero che attualmente beneficiano delle detrazioni per figli e degli assegni familiari sarebbero rimasti senza alcuna misura di sostegno familiare.”

 

Finalmente, grazie alla iniziativa del Partito Democratico e all’impegno del Relatore, il Parlamento prende atto della necessità di intervenire sulla nuova normativa per mantenere i benefici familiari concessi ai nostri connazionali (e a talune categorie come gli impiegati a contratto della rete diplomatica e consolare italiana) aventi diritto.”

 

Ora occorre che il Governo – concludono Schirò e Vecchi – accolga l’esplicita richiesta del Parlamento e trovi le soluzioni legislative più adeguate.”

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img