spot_img
spot_img
HomeNotizieAlluvione, Bonaccini: "I soldi...

Alluvione, Bonaccini: “I soldi non arrivano, Il governo ha sbagliato scelte e perso tempo”
A

Il presidente della Regione Emilia-Romagna e Presidente dell’Assemblea nazionale del PD, Stefano Bonaccini, afferma in un’intervista a “il Fatto Quotidiano” che “il governo ha separato la gestione dell’emergenza da quella della ricostruzione, e ciò ha fatto perdere mesi, inutilmente”.
 
Il commissario alla ricostruzione Figliuolo ha firmato l’ordinanza per stanziare 860 milioni di euro, ma i soldi non arriveranno a settembre perché prima bisogna ‘perimetrare i danni’.
 
Secondo Bonaccini “cominciano a essere chiare soprattutto due cose. La prima è che dopo oltre tre mesi le risorse stanziate non sono ancora arrivate, segno che il governo ha scelto una procedura al momento poco efficace, come avevamo paventato dall’inizio. Parliamo di risorse per opere già realizzate in somma urgenza e non ancora pagate, o di cantieri che non partono perché non c’è copertura finanziaria”.
 
La seconda è che “una parte consistente dei soldi previsti dal primo decreto rischia di non poter essere spesa per la Romagna, se non viene messa nella disponibilità di Figliuolo: basterebbe una norma di due righe, ma nel decreto di agosto non c’è. Imprese e cittadini non stanno ricevendo gli indennizzi, e non sanno neanche come rendicontare i danni”.
 
Domani Bonaccini e gli altri amministratori vedranno Figliuolo, che “si è subito reso disponibile e con i suoi collaboratori stiamo lavorando bene in sede tecnica, ma è necessario fare un punto. Mi aspetto – osserva il governatore – una assunzione di responsabilità condivisa, come siamo abituati a fare in Emilia-Romagna, ma anche un po’ di chiarezza. E’ giusto che il commissario possa dire cos’è nella sua disponibilità e cosa no”.
 
“Meloni – conclude Bonaccini – chieda ad aziende e Comuni se hanno ricevuto un euro, o alle famiglie se sono state ristorate dei danni. Dopo il sisma del 2012 le regole della ricostruzione furono stabilite con un decreto arrivato una settimana dopo, qui dobbiamo ancora decidere come periziare i danni; non sappiamo ancora nulla. Non voglio credere che tutto ciò stia accadendo perché siamo di partiti diversi“.

Ultimi articoli

Correlati

Fina: “Porteremo il vento di cambiamento anche in Abruzzo, dopo la Sardegna “

Il 10 Marzo con la larga coalizione a sostegno di D’Amico sarà possibile scrivere una nuova storia

Boccia: “In Sardegna punita l’arroganza e le promesse mancate della destra”

Il capogruppo del Pd al Senato commenta la vittoria elettorale di Alessandra Todde

Schlein: da un anno chiediamo verità e giustizia su Cutro

Chiediamo al governo che rispetti gli impegni presi e da un anno facciamo la stessa domanda: come è stato possibile?

Manganellate agli studenti: il Governo tuteli le libertà costituzionali

Giorgia Meloni si esprima su quello che è accaduto, riferisca in Aula

Verso il Congresso del Pse a Roma: parliamo di Europa e futuro

L'appuntamento che lancia la campagna elettorale dei socialisti europei per le elezioni di giugno 2024
spot_img