spot_img
spot_img
HomeGiustiziaAbuso d'ufficio: le proposte...

Abuso d’ufficio: le proposte concrete a tutela dei sindaci e della legalità

L’abrogazione dell’abuso d’ufficio è una risposta sbagliata ad una domanda giusta. Come si tutelano i pubblici funzionari rispetto alle incertezze delle fattispecie penali? E come li tuteliamo senza cedere a impunità o senza disinteressarsi del cittadino che subisce un’angheria da un funzionario pubblico? Queste due esigenze fondamentali non si tengono insieme abrogando l’abuso d’ufficio.

La destra ricordi che non siamo all’anno zero: nel 2020 il reato è stato fortemente ridimensionato e ristretto nella sua applicazione; inoltre con la riforma Cartabia l’indagato non è più iscritto automaticamente nel registro degli indagati.

Grazie a queste due modifiche oggi le archiviazioni sono particolarmente elevate, ma si ricordi che afferiscono ad indagini precedenti alla riforma del reato e che oggi, proprio grazie a quella riformulazione più stringente, si archiviano. Restano sentenze che applicano in modo non coerente le nuove norme e alcune incertezze applicative devono essere corrette e per questo noi siamo, e l’abbiamo sempre detto, per la riforma del reato e su questo sfideremo le destre in aula.

Occorre inoltre ricordare che i problemi dei sindaci sono soprattutto prodotti dal sistema generale delle responsabilità che su di essi ricade. E’ questo sistema che deve essere cambiato.

Questa, pertanto, la proposta del PD:

  • modificare il Tuel per impedire che il sindaco in quanto sindaco risponda di tutto quello che succede in una città;
  • cancellare la discriminazione della Severino verso i sindaci che sono sospesi dopo condanna di primo grado, ad eccezione dei reati di mafia e criminalità organizzata;
  • escludere la responsabilità erariale degli amministratori se non per caso di dolo (risponderanno del danno erariale i funzionari pubblici che hanno dato i visti di regolarità tecnica e contabili ma non i sindaci e gli assessori che in relazione a quegli atti hanno espresso un giudizio che è politico e non tecnico).

Su questi temi abbiamo presentato atti e emendamenti anche in questi giorni respinti al Senato.

Aggiungiamo che con l’abrogazione, purtroppo, non finiranno i procedimenti, ma i sindaci rischieranno di essere indagati per reati più gravi dell’abuso di ufficio. E a denunciare questo rischio sono stati persino esponenti della destra che pure votano per l’abrogazione del reato.

Continueremo a batterci per tutelare i sindaci e al contempo la legalità. Tenere insieme queste sfide è possibile a partire dalle nostre proposte che sono concrete”.

Così in una nota congiunta Debora Serracchiani, responsabile Giustizia nella segreteria nazionale del PD, Alfredo Bazoli e Federico Gianassi, parlamentari dem e rispettivamente capigruppo PD nelle Commissioni Giustizia di Senato e Camera.

Ultimi articoli

Correlati

Guerra: “Divari di istruzione, più che il merito pesa la nascita”

I dati diffusi da Istat confermano l’immagine di una società in cui le diseguaglianze si trasmettono di genitori in figli

Schlein: “La Liguria ai domiciliari per colpa di Toti, si dimetta”

Oggi a Genova la manifestazione "Liguria, diritto al futuro". La segretaria dem a La stampa: "È inaccettabile che una regione intera sia paralizzata dalle vicende giudiziarie che riguardano Toti"

Schlein: Sulla sanità Meloni dia risposte e si ricordi che è al governo

La segretaria del Pd replica a Ciriani: "Il ministro lavori per trovare soluzioni condivise. La nostra proposta è semplice, e resta sul tavolo"

Salva-casa: siamo alla sanatoria ammessa sempre e comunque

In Aula alla Camera un decreto che allarga ancora il perimetro della sanatoria. Braga: "Mai così avanti, è deregulation totale"

Serracchiani: Con le legge Nordio cade l’unica forma di difesa contro gli abusi di potere

La responsabile Giustizia del Pd a Repubblica: il solito provvedimento bandiera
spot_img